Print Friendly
  • A A A
  • Print Friendly

    Aggiunto da il 2017-03-01

    Il nuovo esoscheletro per le attività e le posture statiche di sollevamento

    Robo-Mate è un intelligente esoscheletro-robot indossabile dall’uomo per i lavori di movimentazione manuale in diversi settori industriali e sanitari. I prototipi di suoi tre diversi moduli sono stati già testati in laboratorio e sono ora in fase di test presso alcuni partner di diversi settori. L’esoscheletro sarà impiegabile entro mezza giornata di preparazione dell’operatore e non richiede una programmazione specifica delle operazioni da svolgere.

    Non c’è bisogno di essere Iron Man per sollevare carichi pesanti. Ma un esoscheletro anche un po’ più rudimentale di quello del supereroe della Marvel potrebbe aiutare a scongiurare una piaga comune nel mondo dell’industria e probabilmente anche in alcuni settori sanitari: oltre il 25 per cento degli europei è vittima di infortuni alla schiena sul posto di lavoro. È così che nasce il progetto “Robo-Mate”. Spiega Maja Hadziselimovic, una dei tecnici coinvolti nello sviluppo di Robo-Mate: “Questa tecnologia ci aiuta a prevenire alcuni gravi infortuni che affliggono molte categorie di lavoratori che operano quotidianamente con la movimentazione di carichi pesanti. Senza distinzione di sesso, età o corporatura fisica, sarà in grado di rendere autonomi ed operativamente equivalenti i lavoratori impiegati ad assolvere in tutte le operazioni manuali richieste, abbattendo contestualmente i rischi legati alle patologie professionali.”

    I TRE MODULI DI ROBO-MATE

    Sostanzialmente sono stati elaborati tre diversi moduli. Sia per rendere regolabile che per diversi settori industriali e compiti diversi, l’esoscheletro di Robo-Mate è composto da tre moduli così composti:

    1)Un “modulo tronco” per ridurre i carichi alla parte bassa della schiena

    modulo tronco

    Modulo del tronco: particolare

    Modulo del tronco: particolare

    2)Un “modulo braccia passivo” a parallelogramma basato su molle per fornire compensazione di gravità e per ridurre i carichi muscolari statici

    Modulo braccia passivo

    Modulo braccia passivo

    3)Un “modulo braccia attivo” a parallelogramma dotato di cavetto trazione per eseguire con arte molte funzioni ed offrire il supporto di assistenza per le attività di “pick and place”

    Modulo braccia attivo

    Modulo braccia attivo