Print Friendly
  • A A A
  • Print Friendly

    Aggiunto da il 2017-12-04

    La Germania rilancia +3000 euro ai migranti, oltre allo “StarthilfePlus”, per tornare a casa

    La Germania offre ai richiedenti asilo già respinti, e che rinunciano a fare appello, altri € 3.000 per andare a casa prima di marzo

    Il ministero dell’Interno tedesco offre ai richiedenti asilo respinti un forte bonus per andare volontariamente nel loro paese d’origine piuttosto che mettere in moto la procedura di espulsione. Si tratta di un nuovo sforzo per far tornare indietro l’ondata di rifugiati provocata dalla politica della “porta aperta” di Angela Merkel.
    L’offerta intende integrare il programma già esistente denominato “StarthilfePlus”,  che fornisce aiuto ai migranti che decidono di tornare volontariamente a casa. Secondo lo schema, ogni partecipante di età superiore ai 12 anni che ritira la propria domanda di asilo riceve 1.200 euro. Ai richiedenti asilo già respinti che rinunciano al diritto di impugnare la decisione in tribunale vengono assegnati € 800, mentre i bambini di età inferiore ai 12 anni ottengono la metà della somma.

    Germania: ai migranti 3000 euro in piu per andare via

    Germania: ai migranti 3000 euro in più per andare via

    Il nuovo programma, soprannominato “Il tuo paese. Il tuo futuro. Adesso!” promette pagamenti significativamente più generosi a coloro che decidono di tornare volontariamente. Le famiglie possono ottenere fino a € 3.000 (in dollari $ 3.570) e individui fino a € 1.000 (in dollari $ 1.190) oltre ai pagamenti sotto “StarthilfePlus”.

    La nuova offerta, tuttavia, è limitata nel tempo e durerà solo fino alla fine di febbraio 2018. Il ministro degli Interni tedesco Thomas de Maiziere ha utilizzato un’intervista con il giornale Bild am Sonntag per promuovere il nuovo programma.

    Ecco gli slogan utilizzati:

    “Ci sono opportunità nella tua patria. Sosterremo … la vostra reintegrazione in patria”

    - ha detto de Maiziere , rivolgendosi direttamente ai migranti. -

    “Quando decidi volontariamente di rientrare entro la fine di febbraio, oltre all’assistenza all’avvio puoi ricevere in via provvisoria un aiuto per l’alloggio per i primi 12 mesi in patria”.

    Germania: ai migranti 3000 euro in più per andare via

    Germania: ai migranti 3000 euro in più per andare via

    Il nuovo incentivo ad andare via dalla Germania viene quando la stessa Germania sta lottando con le conseguenze della politica della “porta aperta” di Angela Merkel nei confronti di rifugiati e migranti che affluiscono dal Medio Oriente e dal Nord Africa. Dal 2015, oltre un milione di persone sono arrivate in Germania e molte stanno soggiornando illegalmente, dal momento che le deportazioni sono difficili da far rispettare.

    Circa 300.000 richiedenti asilo sono stati respinti dalla Germania l’anno scorso, con un’espansione delle deportazioni rispetto agli 80.000 del 2016. Il governo ha ora accettato di limitare il numero di rifugiati a 200.000, ma le autorità rischiano di rimanere inondate di richieste per i prossimi anni, secondo un documento interno trapelato ai media in ottobre.

    La frustrazione con la politica di migrazione incoerente della Merkel è costata al suo partito una grossa fetta della sua popolarità. L’alleanza CDU / CSU ha raggiunto il minimo storico alle elezioni parlamentari di settembre, mentre l’alternativa anti-immigrati per la Germania (AfD) è aumentata, entrando nel parlamento per la prima volta.

    La nuova assistenza proposta include “prestazioni in natura, come il supporto per il noleggio, i lavori di costruzione o ristrutturazione o le strutture di base per una cucina o un bagno”, secondo il sito web gestito dal Ministero dell’Interno che promuove programmi di rimpatrio volontario. L’esatto meccanismo dei pagamenti di sostegno, tuttavia, è rimasto poco chiaro. Nell’ambito del programma “StarthilfePlus”, un migrante riceve solo la metà del denaro in un’unica soluzione, mentre il resto viene pagato dall’Organizzazione internazionale per la migrazione (IOM) nell’arco di sei mesi dall’arrivo a casa.

    Lo “StarthilfePlus”, lanciato a febbraio scorso, è stato criticato da molte organizzazioni di beneficenza e organizzazioni pro-rifugiati come un tentativo schietto di liberarsi di richiedenti asilo indesiderati, e la nuova proposta in “edizione limitata” sembra affrontare la stessa presunta “accoglienza”. L’organizzazione tedesca per i rifugiati “Pro Asyl” ha licenziato subito il programma definendolo come una “misura cinica”.

    “Il governo, o chi per esso, sta cercando di invogliare le persone a rinunciare ai loro diritti nella maniera più semplice”, ha detto l’amministratore delegato Günter Burkhardt all’agenzia di stampa tedesca DPA di domenica, come citato da Deutsche Welle.

    Mentre il nuovo programma sembra abbastanza generoso, non c’è dubbio che per il governo tedesco i procedimenti di appello e di espulsione sono costosi. I migranti, tuttavia, di solito spendono molto di più per arrivare in Europa di quanto costa il loro re-indirizzamento a tornare sulla via del ritorno.Un viaggio migratorio in Europa costa in media più di 7.000 euro, secondo un’indagine dell’Ufficio federale per la migrazione e i rifugiati (BAMF).

    Il migrante in Germania avverte i tedeschi sulla migrazione di massa:
    “Sono venuto qui, adesso rimango qui”

    Crisi dei rifugiati in Europa: la Germania affronta il conflitto contro il fenomeno della mancata integrazione dei migranti-rifugiati

    Anche se il Presidente della Commissione europea Jean-Claude Juncker (eletto dai deputati del Parlamento con durata del mandato da gennaio 2017 a luglio 2019)avrebbe dichiarato: “Senza milioni di migranti africani, l’Europa andrà persa”

     In uno studio dal titolo “La popolazione musulmana in crescita in Europa”, il Pew Research Center ha emesso tre proiezioni basate su diversi scenari di migrazione: arrivi zero, flussi “medi” e migrazione “alta”. Secondo lo studio sui flussi migratori, la popolazione musulmana d’Europa aumenterà comunque del 50% entro il 2050, anche se il flusso migratorio si fermerà. La popolazione musulmana europea continuerà a crescere nei prossimi decenni anche se l’immigrazione nel continente dovesse cessare o ridursi. Nello scenario invece di “alta migrazione”, lo studio prevede che se il flusso record di migranti giunti in Europa tra il 2015 e il 2017 dovesse continuare indefinitamente, con la conseguente realizzazione di un ammontare di ben 75 milioni di musulmani in Europa, ci sarebbe un aumento al 14% della popolazione musulmana entro la metà del secolo.

    Negli ultimi 2 anni, si è verificato un aumento degli incidenti violenti in tutta la Germania, portando molti a credere che sia impossibile integrare con successo i rifugiati. La cancelliera Angela Merkel ha subito una forte pressione politica sulla sua politica migratoria a “porte aperte”, dato che le cifre mostrano che la Germania ha processato in appello più richiedenti asilo lo scorso anno rispetto al resto dell’Europa, soprattutto provenienti da Iraq, Siria e Afghanistan. Guy Henderson della CGTN ci descrive nel Video come la Germania faccia il gioco sporco contro i rifugiati.